Not close to the emergency exit

Le ricetta di questo post sono beryooni e persian lasagne.
Non ci sono foto relative al post. Ma ci sono foto di Persepolis.
  

Penso sia giunto il momento di concludere il mio viaggio in Iran. Ho aspettato a scrivere questo post. Concluderlo è come lasciarsi andare alle spalle quello che è stato. Non volevo succedesse.

L’Imperial Bazaar di Isfahan è immenso. Rispetto ai bazaar marocchini e indiani è ordinato e rilassante. Forse anche rispetto ai nostri mercati italiani. Le persone ti mettono a loro agio. Nessuno urla per invogliarti a comprare da lui. Nessuno cerca spudoratamente di fregarti dei soldi. Ognuno è dedito alla propria arte. E se ti avvicini ti incantano del loro sapere. C’è chi a mano con delle presse stampa motivi floreali su tappeti, c’è chi, sempre con le mani, impasta piccole porzioni di beryooni da servire alla folla affamata, c’è chi batte colpi di martello su fogli di rame concentrandosi esclusivamente sul suo colpo. E’ forse la zona del rame la più caotica. Osserviamo. Compriamo del gaz, dolci fatti di acqua di rose, zucchero e pistacchio. Mangiamo del gelato. E’ caldo.

Dal mercato ci spostiamo verso il Khaju Bridge, fatto costruire da Abbas II. Seduti sotto gli archi del ponte ascoltiamo cantare antiche melodie persiane. Sembra di essere in un palazzo. Non c’è nemmeno il fiume. Il caldo lo ha prosciugato. Possiamo quindi camminare sul letto del fiume e osservare il ponte mentre cala il buio.

La sera ci spostiamo in una paese vicino a casa di amici. Frutta. Thè. Shisha. Solita routine. Odio non parlare persiano.

Beryooni

Ingredienti

  • 3 cipolle
  • 1 kg manzo macinato
  • 30 gr burro salato
  • 1 tazza brodo di carne
  • 33 cucchiaini di curcuma
  • 166 cucchiaini di pepe
  • 25 cucchiani di cannella

Stufare le cipolle nel burro finché diventano dorate. Aggiungere la curcuma e la carne e lasciar cuocere finché la carne si dora. Aggiungere il brodo, la cannella e il pepe. Abbassare il fuoco e lasciar andare per 45/60 minuti. Servire con pane.

Non c’è ancora luce quando partiamo per Shiraz. Sono ancora addormentata quando incontriamo Amir alla stazione dei bus. Amir ha un volto strano, non molto rassicurante. Avevamo contattato Amir e sua moglie Nasim su couchsurfing e ci avevano dato disponibilità per ospitarci. Ci presentiamo e ci conduce in macchina a casa sua. Il caldo di Shiraz è soffocante. E’ quasi impossibile camminare sotto il sole. L’asfalto è cocente. Amir e’ in realtà cordialissimo. Mi sbagliavo. A casa conosciamo Nasim. Lei è bella e solare. Lui un ingegnere con la passione per la fotografia, lei un tecnico sanitario che diventa la sua modella. Sono giovani, sui trent’anni e parlano un inglese perfetto. Stanno cercando di emigrare in Australia e da diversi anni sono alle prese con la burocrazia per poter lasciare il loro paese ed entrare in uno nuovo alla ricerca di possibilità che adesso possono solo immaginarsi. Sono innamorati. Ci raccontano del loro matrimonio e ci mostrano il video delle nozze. Sono felici. In Iran sono sistemati bene, hanno una casa piccola ma ben arredata e colorata e un buon salario. Ma si sentono stretti in questo paese, hanno una mentalità molto aperta. Non hanno mai viaggiato all’estero, ma conosco moltissime culture. Da otto anni ospitano gente di diverse nazionalità per migliorare il loro inglese e per viaggiare tramite i racconti degli altri. Ci chiedono dell’India. Mi chiedono dell’Italia.

La sera siamo invitati al cena dal fratello di Amir, Ehsan.Prima di cena ci fermiamo al centro commerciale. E’ il compleanno della moglie di Ehsan e vogliamo comprarle un regalo. Proviamo diverse sciarpe, dai motivi e colori più variegati. Alla fine optiamo per una collanina. Ehsan è sui trent’anni anche lui, sposato, con una figlia di circa dieci anni.  Lui lavora col petrolio, non mi ricordo esattamente, mi pare fosse un chimico. Ehsan è anche un tatuatore. Non può diventare la sua professione, in Iran è illegale il tattoo. Ma lui è ben attrezzato e con gran voglia e lavora ugualmente, in casa. Ha diversi tatuaggi, frutti dei suoi studi, tutti in posti ben nascosti. Colgo l’occasione e gli chiedo se ne può fare uno anche a me.

Così il giorno dopo ci troviamo a casa di Amir e durante il pranzo mi preparo per farmi segnare indelebilmente. In cambio avevo anche promesso che avrei fatto delle lasagne. Ma è tardi e dopo poche ora ho il volo che mi porta a Dubai. Sono così costretta a dare direttive ad Hamed e Nasim che cucinano, mentre cerco di muovermi il meno possibile, permettendo ad Ehsan di disegnare. Le lasagne sono ottime.

Persian lasagne

Ingredienti

  • 12 lasagne
  • 300 gr marzo macinato
  • 1 pacco di formaggio in busta (diceva essere mozzarella)
  • concentrato di pomodoro
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 50 gr burro
  • 50 gr farina
  • 1/2 l latte
  • sale
  • pepe

Scaldare tre cucchiai d’olio e far stufare la carota e la cipolla tritate. Aggiungere la carne macinata, lasciare colorire. Salare e unire il concentrato di pomodoro diluito in 2 bicchieri d’acqua e cuocere per mezz’ora. Insaporire con un pizzico di pepe. Fare la besciamella: in un pentolino lasciare fondere il burro, unire la farina mescolando velocemente. Diluire il composto versando a filo il latte tiepido e continuare a mescolare fino a quando la besciamella inizia a bollire. Salate, diminuire la fiamma e cuocere per circa venti minuti. Insaporire con un pizzico di pepe. In una pirofila imburrata fare un primo strato di lasagne, distribuire sulla superficie alcuni cucchiai di ragù e di besciamella, spolverizzare con formaggio grattugiato e distribuire fiocchetti di burro. Fare un altro strato di lasagne e condimento, continuare fino a esaurimento degli ingredienti. Finire con besciamella e ragù. Mettere in forno a 180° per mezz’ora.

Con ancora le lasagne sullo stomaco, Amir ci accompagna in aeroporto. Salutiamo Amir e io e Hamed ci dirigiamo all’ingresso. Ci salutiamo. Sembrava che non ci saremmo più rivisti, per lo meno non in un tempo stabilito. Con gli occhi pieni di lacrime mi avvicino al banco del check-in. Come mai piange? Mi dispiace lasciare l’Iran. E ho paura di volare. L’uomo sorride. Non si preoccupi, andrà bene. Mi dica che posto preferisce. Non vicino all’uscita di emergenza.

Le ricetta di questo post sono beryooni e persian lasagne.
Non ci sono foto relative al post. Ma ci sono foto di Persepolis.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

2 thoughts on “Not close to the emergency exit

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: